Sostituire pavimento in marmo. Il mio consiglio? Tieni in tasca i tuoi soldi.

17 Marzo 2021

“Lo sostituiamo questo vecchio pavimento in marmo?”

 

Capita, devo dire spesso, che durante lavori di ristrutturazione in appartamento si decida di sostituire un pavimento in marmo vecchio e logoro.

Ma è davvero la decisione migliore che tu possa prendere?

Hai valutato tutte le opzioni? I pro e i contro?

Ti consiglio di rifletterci bene prima di prendere la tua decisione.

 

Premessa

So che il fattore estetico, il gusto personale, sono parametri che influiscono notevolmente sulla decisione finale.

Se una cosa non ti piace diventa molto difficile farti cambiare idea pur fornendoti le informazioni più oggettive e razionali possibili. Ed è giusto così.

Ma fatta questa premessa, prima di andare avanti, c’è da dire che…

 

Ad oggi il marmo è ancora la miglior pavimentazione di prestigio che tu possa scegliere.

Non il grès.

Non il cemento.

E ancora, non la resina.

 

Ma anche in questo caso a molte persone può non interessare il fatto di avere una casa “prestigiosa”, anche grazie al marmo, ma quel che importa è che sia pratica o economica.

Nulla da obiettare se non che non c’è nulla di più pratico ed economico che avere già una pavimentazione in marmo.

 

Gli altri materiali


Bisogna comunque  ammettere che anche gli altri materiali per pavimentazioni sono interessanti. Sono di moda ed hanno il loro stile.

Beh, a parte il gres porcellanato che non ha un suo stile, ma è solo una copia di altri materiali.

Ma, ripeto, escludendo il gusto personale, non c’è un reale motivo per cui tu debba preferire altri materiali e sostituire il tuo marmo.

A meno che non ci siano problemi sotto la pavimentazione o debba sostituire tubazioni.

Abbiamo addirittura salvato una pavimentazione in marmo non più ancorata al sottofondo per colpa di una scorretta posa in opera, facendo risparmiare al cliente davvero molti soldi ed evitando la delusione di dover sostituire una pavimentazione in marmo di solo 10 anni.

 

sostituire pavimento in marmo 01sostituire pavimento in marmo 02



Che cosa devi considerare.

1. La prima cosa che devi chiederti è questa: chi ti consiglia di sostituire la pavimentazione, quali motivazioni ti ha fornito? Sono valide? 

Perché devi considerare che mantenendo la tua pavimentazione in marmo quasi nessuno ci guadagnerà.

Non ci guadagnerà l’impresa edile che lo avrebbe demolito e rifatto il sottofondo. Non ci guadagnerà nemmeno l’azienda che ti avrebbe venduto il nuovo materiale, ne il posatore. E probabilmente nemmeno l’idraulico o l’elettricità che avrebbero sicuramente fatto qualche intervento sotto la pavimentazione.

Solo l’azienda incaricata del ripristino del tuo marmo beneficerà da questa tua decisione.

Ovviamente chi guadagnerà di più sarai tu, risparmiando migliaia di euro.

Devi inoltre considerare che, anche non volendo sostituire la pavimentazione in marmo, ma coprendola con altro materiale, dovrai affrontare comunque spese maggiori.

Ad esempio il costo per tagliare e rifinire tutti i serramenti.


2. L’altra cosa da ricordare, ritornando al discorso praticità, è che tutti i materiali sono soggetti ad usura, tutti si macchiano, possono scheggiarsi, graffiarsi o perdere la loro finitura estetica, ma nessuno è semplice da sistemare e riportare al nuovo quanto il marmo.


3. Mantenere la tua pavimentazione in marmo è sicuramente un bene anche per il nostro pianeta.

Negli ultimi anni la coscienza ecologica di tutti si sta dirigendo verso un maggior rispetto e attenzione all’ambiente. È quello che, nel nostro piccolo, stiamo facendo anche noi con il Metodo EcoGrimm® , il primo metodo di levigatura marmi atossico ed efficace.

Sostituire  una pavimentazione comporta sicuramente un maggior inquinamento dovuto al maggior lavoro richiesto, trasporto materiali e produzione degli stessi.

Per questo sentiamo sempre di più parlare di recupero, ripristino, conservazione.

 

Decisione inconsapevole

So con certezza che per molte persone che hanno sostituito il loro pavimento in marmo, sarebbe bastato leggere fino a qui per decidere di non farlo.

Semplicemente hanno preso una decisione inconsapevole.

In Italia non c’è la cultura della manutenzione del pavimento in marmo. 

Un pavimento in marmo posato negli anni ‘60 del secolo scorso, senza alcun tipo di manutenzione, genera stupore se nel 2021 é in pessime condizioni.

Ma come è possibile? Del resto sono passati solo 60anni!

Quindi, quale informazione molti non conoscono?

Davvero in pochi sanno che con un intervento di levigatura il marmo ritorna come nuovo, anche meglio molto spesso.

Ecco perché anche tu, vedendo il tuo pavimento in marmo in pessime condizioni, pieno di pori e graffi o addirittura assestato o con lastre che si muovono, pensi che non ci sia altra soluzione che la sostituzione.

Da addetto ai lavori non pensavo che molti non conoscessero questa soluzione, ma è così.

Ed è per questo che un giorno decisi di scrivere un libro.

Ho intervistato alcuni miei clienti, ognuno con una problematica diversa della pavimentazione, per dimostrare con le loro parole quanto sia facile risolvere ed avere un pavimento bellissimo.

 

manuale levigatura pavimenti

Questi sono i principali motivi per cui è meglio tu tenga i tuoi soldi in tasca.

 

Il corretto approccio se vuoi mantenere la tua pavimentazione in marmo.

 

Quindi hai preso la decisione migliore: non sostituire pavimento in marmo, ma facciamo le cose per bene.

Ora non ti devi buttare a capofitto sui motori di ricerca cercando qualcuno che possa fare qualcosa per il tuo marmo, senza sapere quello che stai facendo e acquistando solo “d’istinto”.

 

 

Ti posso dare alcuni consigli. Questi consigli hanno valore qualora tu voglia un lavoro fatto bene e non un intervento al risparmio dove la qualità del risultato non è importante. 

Evita interventi di:

– Ceratura. Non va data cera sui marmi. È solo un palliativo ed un futuro problema di manutenzione per te.

– Cristallizzazione. È un intervento di lucidatura usato da imprese di pulizie che serve a lucidare il tuo marmo, ma viene usato spesso in solitaria, cioè senza alcun intervento precedente che risolva i reali problemi del tuo pavimento.

– Lucidatura al diamante. È un termine spesso usato a sproposito da chi fa questo lavoro da poco tempo. Non esiste la lucidatura al diamante per il 99% delle pietre naturali.

Quindi ricapitoliamo:

No cerature 

No cristallizzazioni 

No lucidatura al diamante.

Qui ti rimando ad alcuni precedenti articoli che possono esserti utili

✅ Come si ripristina un pavimento in marmo 👉🏻 Qui
✅ Cos’è la lucidatura al diamante  👉🏻 Qui

 

Una volta appurato insieme al professionista quale sia l’intervento migliore per il tuo marmo, è importante decidere anche la finitura superficiale adeguata. Non solo per un fattore estetico, ma anche per praticità è durata.

Noi, ad esempio, per aiutare il cliente abbiamo creato una “stone box”. Un cofanetto contenente tessere in marmo con le varie tipologie di finiture tra cui puoi scegliere in modo che tu possa vederle e toccarle per capire in anticipo quale sia la finitura migliore per te.

Alcune finiture non sono molto conosciute e non  è così immediato capire come sarà il risultato finale.

 

Spero di averti trasmesso, almeno in parte, le potenzialità del marmo e spunti validi per prendere la decisione più adatta a te con cognizione di causa.

Qualora avessi bisogno di altre informazioni o desideri fissare un sopralluogo contattaci qui.

 

Al prossimo articolo.

Samuele Galbiati



 

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *